gtag('config', 'UA-102787715-1');

Ozzy Osbourne: “La canzone dei Beatles che mi ha spinto a diventare una rockstar”

I Beatles non hanno solo scritto un capitolo vitale e importantissimo della musica internazionale. Ma hanno anche fornito stimolo creativo e ispirazione a moltissimi artisti che sono venuti dopo di loro. Anche dagli ambienti apparentemente più lontani dai Fab Four – per sonorità e stile – giungono conferme che sì, i Beatles sono stati un grande modello. Lo ha detto anche il Principe delle Tenebre, Ozzy Osbourne, che ha svelato che effetto hanno avuto su di lui John Lennon e soci.

OZZY OSBOURNE, GLI INIZI DELLA CARRIERA DEL PRINCIPE DELLE TENEBRE

Ozzy Osbourne ha parlato degli inizi della propria carriera, in un’intervista per Blabbermouth. L’ex frontman dei Black Sabbath ha infatti rivelato di aver capito immediatamente che la vita dell’artista era ciò che faceva per lui. Ma anche che lì, in mezzo al marasma di stimoli e ispirazioni fornite dalla musica, una su tutte lo aveva colpito più profondamente. Spingendolo definitivamente a imboccare quel cammino.

“Voglio dire, sapevo di non essere portato per fare un lavoro dalle nove alla diciassette. – ha esordito il Principe delle Tenebrelo avrei iniziato uno, mi avrebbero detto cosa fare e dopo tre giorni avrei pensato: “Mi farà diventare pazzo”. Un’immagine mentale che non è difficile da immaginare, se si pensa ad Ozzy Osbourne. E difatti, ben presto, iniziò a conquistare fama e successo internazionali assieme ai Black Sabbath.

BLACK SABBATH, L’INCONTRO CON GLI ALTRI MEMBRI E LA NASCITA DELLA BAND

Le cose infatti cambiano per Ozzy Osbourne quando incontra Tony Iommi e gli altri storici membri dei Black Sabbath. E’ in quel momento che il Principe delle Tenebre inizia ad avviarsi per la strada verso la quale aveva sentito di essere portato. Proprio grazie all’ascolto di una canzone di John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr.

“Sono entrato nella band con Tony Iommi, Geezer Butler e Bill Ward – ha detto Osbourne, ricordando gli esordi della band – e anche se non avevamo soldi, ho viaggiato con loro, abbiamo visto l’Europa  e ci siamo divertiti tantissimo. Potevo fare qualcosa di diverso? No”.

OZZY OSBOURNE, L’ASCOLTO DEI BEATLES E L’ILLUMINAZIONE SULLA PROPRIA CARRIERA

Qual è stato dunque, per Ozzy Osbourne, lo stimolo finale che lo ha spinto on the road con i Black Sabbath? “Quando ho sentito i Beatles, sapevo cosa volevo fare” ha svelato, a proposito della sua decisione di essere una rockstar. Il Principe delle Tenebre ha poi raccontato della prima volta in cui ascoltò un pezzo dei Fab Four, ovvero She Loves You. Le sensazioni scatenate in lui furono fortissime e quel momento, catartico.

“Immagina di andare a letto oggi e il mondo è in bianco e nero e poi ti svegli ed è tutto a colori – ha spiegato l’ex cantante dei Black Sabbathecco com’era. Questo è l’effetto che ha avuto su di me. Lo ricordo come se fosse ieri […] camminavo con un radio […] E She Loves You è arrivata. Ed è stato semplicemente così. Ho pensato: è quello che voglio fare”. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.