gtag('config', 'UA-102787715-1');

Patti Smith, La storia di “Easter”

Patti Smith è una delle artiste più rivoluzionarie di tutti i tempi. In realtà, la sua importanza non riguarda solamente l’ambito musicale, ma ha spaziato nell’ambito della letteratura e dell’arte. Patti Smith è stata un riferimento fondamentale per la Beat Generation, i messaggi contenuti nelle sue canzoni le hanno fatto guadagnare il soprannome di sacerdotessa maudite del rock. La sua Because the night, scritta da Bruce Springsteen è tra i 150 brani di maggior successo della storia della musica. Il suo più grande successo non è impegnato socialmente come tanti altri brani del suo repertorio, ma è comunque una pietra miliare della storia della musica rock e non solo. Because the night è tratta dall’album Easter, quarto disco di Patti Smith.

La band di Patti Smith

Pubblicato nel 1978, Easter oltre a Patti Smith vede la collaborazione del suo gruppo. Infatti, la cantante si è sempre fatta accompagnare da musicisti che l’hanno aiutata nella composizione delle canzoni. In questo caso si deve molto a Lenny Kaye, la chitarra che la accompagna (oltre a quella suonata da lei stessa), con cui compose molte canzoni dell’album, ma anche alla batteria di Jay Dee Daugherty, alla seconda chitarra e al basso di Ivan Kral ed alle tastiere e sintetizzatori di Richard Sohl. Spesso ci si dimentica del supporto fondamentale che i musicisti hanno dato ai lavori della Smith, che anche in questo caso ha creato un sound unico per delle canzoni particolari e originali.

Dalla title-track all’album: Patti Smith e Easter

Paradossalmente, la più insignificante o comunque meno famosa risulta essere proprio Easter, la title-track. Non è rimasta molto impressa ai posteri forse perché è un po’ ripetitiva, mentre altre canzoni basano tutto un ritmo incalzante, come Ghost Dance. Sulla scia della poesia si muove Babelogue che fugge da introduzione di Rock N Roll Nigger, dall’enorme energia. Frequente sono le parti recitate nelle canzoni della Smith, per il suo forte legame con la letteratura, ad esempio troviamo il parlato in Privilege (Set Me Free) dove comunque si combina uno stile rock, ma anche in We Three. Rock puro sono poi 25th Floor & High On Rebellion.

Because the night e la collaborazione con Bruce Springsteen

Di enorme successo fu però come sappiamo Because the night. Nonostante Easter in generale fu per Patti Smith un grande successo, questa canzone è diventata immortale come poche. Sappiamo tutti che venne scritta con Bruce Springsteen, che raccontò come nel 1978 stesse registrando un album, Darkness on the Edge of Town e Because the night avrebbe dovuto farne parte. Per una fortunata coincidenza, proprio dopo che il Boss aveva deciso di non includerla più in quel disco, si imbatté in Patti Smith che con la sua band registrata Easter nello studio accanto. Donò alla cantautrice la canzone, che divenne più femminile grazie al suo intervento. La notte che “appartiene agli amanti” a cui si fa riferimento nel brano riprende un’esperienza realmente vissuta da Patti Smith con il fidanzato dell’epoca, che poi sarebbe diventato suo marito: stava aspettando una sua telefonata nel cuore della notte.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.