gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pete Townshend, perché il chitarrista degli Who odia i Led Zeppelin?

Il mondo della musica e del rock è costellato di musicisti pronti a dire la propria sui lavori discografici altrui. Commenti benevoli o frecciatine al veleno si rincorrono da una parte all’altra del panorama musicale. In mezzo ai soliti Keith Richards o fratelli Gallagher – solo per dirne alcuni – troviamo anche Pete Townshend, storico leader e chitarrista degli Who. Ripercorriamo ad esempio quella volta che svelò in che modo i Led Zeppelin avessero copiato la sua band.

PETE TOWNSHEND E LE DICHIARAZIONI SUI BEATLES

Prima di scoprire cosa disse dei Led Zeppelin, ripeschiamo le dichiarazioni che Pete Townshend rilasciò a proposito dei Beatles. Intervistato nel 1966 il chitarrista si trovò a commentare la qualità della musica del periodo. “Cos’ha valore nel mondo del pop? – esordì Townshendcos’ha valore in generale? E’ solo una questione di standard…nel mondo del pop, siamo fortunati che non esistano standard”.

L’intervistatrice spostò poi il discorso sui Beatles di Paul McCartney e John Lennon, chiedendo a Townshend se non fosse disposto a riconoscere in loro una certa qualità artistica. “Oh, questa è una domanda difficile – gli rispose secco il membro degli WhoEffettivamente, questo pomeriggio io e John [Entwistle] stavamo ascoltando un LP dei Beatles […] Quando ascolti le canzoni senza le loro voci, sono davvero pessimi”.

THE WHO, L’EREDITA’ DELLA BAND BRITANNICA

Sebbene Pete Townshend non sia tipo da auto-elogiare la propria band – anzi, sono più le critiche che altro – in una passata intervista rese omaggio al suo passato negli Who. Stando alle sue dichiarazioni, la band britannica avrebbe inventato l’heavy metal dal Live at Leeds, nel 1970. Da quel momento pionieristico avrebbero avuto origine moltissime altre formazioni, che essenzialmente si sono limitate a “copiare” gli Who.

“Siamo stati copiati da moltissimi gruppi, principalmente dai Led Zeppelin – ha detto Pete Townshend, come riportato da Showbiz Cheatsheetsai, batteria pesante, basso pesante, chitarra pesante“. Insomma il chitarrista degli Who non sembra apprezzare minimamente la formazione di Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones e John Bonham.

PETE TOWNSHEND E LE CRITICHE AI LED ZEPPELIN

L’intervista fornita al Sun non è stata l’unica occasione nella quale Pete Townshend ha lanciato delle frecciatine ai Led Zeppelin. Insinuando che abbiano copiato lo stile heavy degli Who. Anche nel 1995 disse: “Non mi piace una singola cosa che hanno fatto. Odio il solo fatto che siamo anche minimamente paragonati a loro”.

In altre occasioni Townshend ammise che le sue parole potevano essere dettato dal fatto che gli Zeppelin “divennero molto più famosi degli Who”. Senza considerare il fatto che Jimmy Page – storico membro della band di Whole Lotta Love – aveva avuto l’idea di formare una band proprio con il batterista degli Who, Keith Moon. “Dovete ricordare che io conoscevo già Jimmy Page – aveva detto Townshend in un’intervista del 1990 – i Led Zeppelin non si erano ancora formati ma lo avevo visto in molte band e l’unica cosa è che il suo modo di suonare è rallentato crescendo! Era un musicista straordinario, arrogante, veloce!”. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.