gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd, la storia dell’amicizia fra Syd Barrett e David Gilmour

I Pink Floyd sono una della formazioni rock più importanti della storia non solo della musica rock, ma della musica in generale. La loro fama ha permesso loro di essere conosciuti in ogni angolo del globo e di anno in anno continuano a guadagnare nuovi ammiratori. Questo non è certo un evento frutto del caso, ma dovuto all’enorme talento musicale di cui ogni membro della band è impregnato e che ha permesso loro di comporre brani leggendari come “Wish You Were Here”, “Shine On You Crazy Diamond”, “Another Brick In The Wall” e la lista potrebbe andare avanti molto a lungo.

Pink Floyd e Syd Barrett

Nei primi anni di attività la band era trainata in particolare modo da uno dei personaggi simbolo del rock della seconda età degli anni ’60. Stiamo ovviamente parlando del chitarrista, cantante ed autore Syd Barrett. Furono da lui sviluppati infatti molti brani risalenti agli esordi dei Pink Floyd. Altrettanto conosciuti sono però i problemi psichici che lo afflissero e che spesero il resto della band ad allontanarlo progressivamente.

L’ingresso di David Gilmuor

Per sostituirlo fu localizzato David Gilmour, ad oggi considerato uno dei più importanti chitarristi nella storia del rock. C’è stato un periodo in cui le due figure finire citate hanno convissuto all’interno della band, che ovviamente non poteva mandare vi Barrett da un giorno all’altro. Ciò avvenne a partire dal 1967, fino a che Roger Waters e compagni presero la decisione di allontanare del tutto Syd, il quale, proprio a causa dei problemi che lo coinvolgevano già esposti in precedenza, diventa sempre più imprevedibile e difficilmente controllabile.

Pink Floyd: “Shine On You Crazy Diamond”

Malgrado il suo allontanamento il legame con la band rimase molto forte, dato che sembra che i temi dell’album più celebre dei Pink Floyd “The Dark Side Of The Moon”, quali per esempio la follia dell’uomo, siano stati ispirati proprio dall’ex compagno. Di certo fu dedicato a Barrett il brano “Shine On You Crazy Diamond”, che Syd ascoltò durante una visita allo studio, venendo a stento riconosciuto dagli altri musicisti e non rimanendo del tutto entusiasta e commentando che fosse qualcosa di poco interessante.

David Gilmuor: “Syd Barrett era…”

Nonostante il periodo di convivenza con David Gilmour fu piuttosto breve, tra i due si creò un certo legame, di cui quest’ultimo ha recentemente parlato. La loro amicizia iniziò quando avevo circa 14 anni e frequentavano la scuola d’arte. “Era uno scrittore ed un leader anticonformista, di un paio d’anni più giovani degli altri ragazzi, m aera di gran lunga più sveglio ed intelligente di loro.”. Sulla successiva condizione mentale di Barrett Gilmour ha commentato: “Ci sono molte teorie a riguardo e credo che comunque la situazione sia stata aggravata dall’uso di droghe. Ciò non toglie che fosse una persona molto divertente ed un poeta brillante!”.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com