gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, l’ultima sorpresa di Natale organizzata da Freddie Mercury prima di morire

Il Natale è un momento importante nella vita di ciascuno di noi. Un’occasione per godere dell’atmosfera familiare e riunirsi con i propri cari. E per ricordare anche chi ci ha lasciati troppo presto e non è più qui. Questi pensieri occorreranno sicuramente anche a tutti gli amici e i parenti di Freddie Mercury – l’amato cantante dei Queen, scomparso prematuramente il 24 Novembre 1991. Descritto da tutti come una persona estremamente generosa – anche nel momento più doloroso e drammatico della sua vita – fece in modo che chi gli stava vicino ricevesse un dono. In questo articolo scopriamo l’ultimo regalo di Natale che Freddie comprò dal letto di morte.

COSA FACEVA FREDDIE MERCURY CON IL DENARO GUADAGNATO CON I QUEEN?

Freddie Mercury non aveva sicuramente problemi economici. Il grande successo e l’incredibile notorietà raggiunta con i Queen, gli hanno permesso di condurre una vita agiata. In un’occasione disse: “I soldi forse non possono comprare la felicità ma te la possono dare!”. Una frase che potrebbe sembrare superficiale, a primo impatto.

Eppure Freddie metteva cura e impegno nel selezionare i regali perfetti per le persone più care. “Un piccolo regalo, un gesto […] valgono molto di più di qualcuno che compra per te il Big Ben” recita un’altra sua famosa dichiarazione. E questo è proprio ciò in cui si impegnò il cantante dei Queen nelle sue ultime settimane di vita.

PETER FREESTONE RIVELA A COSA PENSASSE FREDDIE MERCURY PRIMA DI MORIRE

Le ultime settimane di vita di Freddie Mercury trascorsero nella sua dimora di Garden Lodge, a Londra. Una casa che aveva condiviso con Mary Austin, l’unica e vera donna della sua vita. In quell’ultimo periodo prima che la malattia se lo portasse vita, il cantante fu circondato dall’affetto della famiglia e degli amici più cari.

La Austin appunto – che viveva poco lontano da lui – Elton John, Brian May, Roger Taylor e John Deacon, Jim Hutton. E ancora Peter Freestone – suo assistente personale negli ultimi dodici anni. E’ proprio Freestone a rivelare l’ultimo pensiero di Freddie Mercury prima della morte.

IL MISTERIOSO LIBRO DEL CANTANTE DEI QUEEN

“Freddie pensava più agli altri che a se stesso – ha confessato all’Express Onlinesapeva che persone come me e Joe ci saremmo presi cura di lui. Così lui poteva prendersi cura dei suoi amici. Gli piaceva molto”. Il frontman dei Queen – costretto a letto dal suo male – traeva piacere nel trovare doni per i suoi affetti più cari.

“Aveva un libro dei compleanni – continua Freestonecon ogni singolo compleanno di ogni amico. Non voleva dimenticarsene nemmeno uno. Se incontrava una persona che gli piaceva, prendeva il libro e ne aggiungeva il compleanno. Mandava anche un biglietto personale dopo una cena piacevole. Era un vero gentleman”.

L’ULTIMO REGALO DI NATALE DI FREDDIE MERCURY

La generosità che Freddie Mercury mostrava nei confronti dei suoi amici continuò ovviamente fino alla fine. Il cantante dei Queen sentiva che non sarebbe arrivato a festeggiare con i suoi affetti e si premurò che ognuno ricevesse qualcosa dopo la sua morte. Elton John ha raccontato spesso di avergli fatto visita nei suoi ultimi giorni e di averlo trovato a fare shopping. “Stava lì circondando da cataloghi di mobili e arte giapponese” ricorda il cantante di Your Song. Ciò che John ignorava era che Freddie stesse acquistando qualcosa anche per lui.

Elton John ricevette – proprio quel Natale del 1991 – il dipinto del suo pittore preferito. Ma altri amici, ogni anno dalla morte di Freddie Mercury, si videro recapitare doni e regali. Ogni anno dei fattorini escono infatti dai magazzini dello store di lusso Fortnum & Mason. Prima di morire, il cantante dei Queen ha fatto in modo che – anche dopo la sua scomparsa – amici e nipoti ricevessero un regalo di Natale ogni anno.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.