Robert_Plant_Podcast

Robert Plant: la storia di Calling To You raccontata nel suo podcast

Grandi musicisti che hanno scelto di raccontarsi attraverso l’uso dei podcast; Robert Plant è stato uno dei primi idoli del rock a ricorrere a questo metodo. Digging Deep ha fatto il suo esordio il 3 giugno 2019 sulle maggiori piattaforme streaming, come Youtube, Spotify e iTunes, e nella prima puntata, il musicista ha parlato della sua Calling To You del 1993.

Il podcast di Robert Plant: la storia di “Calling To You”

Nell’episodio inaugurale del suo podcast, Robert Plant ha spiegato l’idea che ha portato alla composizione del suo brano da solista del 1993 Calling To You. Nella prima parte dello show, il cantante ha fatto un tuffo nel passato, parlando degli anni con i Led Zeppelin, anni in cui, ha confessato, non avrebbe mai immaginato il progetto di un album in grande scala senza gli altri membri della band. E, tanto meno, non avrebbe mai pensato di collaborare con altre persone per i testi delle sue canzoni.

La svolta, ha continuato Robert Plant nel suo podcast, è arrivata nel 1981. “In quell’anno ho potuto godere del condividere la scrittura e la produzione con molti incredibili musicisti; uomini e donne che mi hanno incoraggiato e illuminato introducendomi a curve folli che non mi sarei mai sognato“. E parlando della stesura e della realizzazione dei suoi pezzi, Plant ha fatto riferimento al periodo, musicale e non, dei giorni nostri che tutto il mondo sta vivendo:

In questo momento storico, nel 2019, penso che siamo confusi e colpiti da circostanze dentro e fuori la nostra stessa esistenza. Non riesco nemmeno a immaginare come si potrebbe scrivere una canzone, data l’intensità dei nostri tempi passati. Sono certo che, da qualche parte in Tin Pan Alley, o in quella via di Nashville chiamata Music Row, alcuni artisti siano ancora in grado di scrivere canzoni d’amore. Siamo sempre stati consapevoli del mondo che ci circonda, ma non è mai stato così palese e pesante come ora“.

Calling To You fa parte del sesto album da solista di Robert Plant; Fate of Nations. Il cantante, in quel periodo, aveva dichiarato che l’unica cosa certa del suo progetto, era il desiderio di voler tornare al suo passato. “Sono anche fiero di ciò che ho sperimentato con i testi, cercando di raccontare storie vere, provenienti da una ricca tradizione di prosa“.

Share

Rebecca Buzzetti, classe 1996. Diplomata come creatrice d'abbigliamento da donna, studentessa di giornalismo. Da sempre appassionata di musica, in particolare rock, arte, sport (soprattutto hockey), letteratura, disegno e scrittura. Persona estremamente ironica, aspirante giornalista e scrittrice. (rebecca.buzzetti@gmail.com; Instagram: @rebiush)