gtag('config', 'UA-102787715-1');

Robert Plant svela la scaletta ufficiale di Woodstock 2019

La notizia è appena giunta attraverso il profilo Instagram di Robert Plant. Il musicista ha reso nota la scaletta ufficiale di Woodstock 2019, attorno alla quale giravano speculazioni da settimane. Il festival si terrà il 16, 17 e 18 Agosto 2019 a Watkins Glen, nello stato di New York.

Scaletta ufficiale Woodstock 2019, headliner e ospiti

E’ appena uscita la scaletta di Woodstock 2019, confermata direttamente da Robert Plant, uno degli ospiti dell’evento che si terrà in America il prossimo Agosto 2019. “Three Days of Peace, Love and Music” è il motto di Woodstock 2019, in linea con la celebrazione del cinquantesimo anniversario del famosissimo festival del 1969.

Il primo giorno, 16 Agosto 2019, il festival si aprirà subito alla grande, con nomi celebratissimi nel panorama della musica internazionale. I The Killers saranno i primi a salire sul palco seguiti a ruota da tantissimi artisti. Tra gli altri Santana e Robert Plant, oltre The Lumineers, Miley Cyrus ecc. Nomi che circolavano con insistenza da settimane come indiscrezioni.

Il 17 Agosto 2019 i Dead & Company apriranno la seconda giornata di Woodstock 2019. Sul palco dopo di loro,  come annunciato, i chiacchieratissimi Greta Van Fleet, oltre a The Black Keys, Gary Clark Jr. Per la giornata conclusiva, il 18 Agosto 2019, Jay-Z farà gli onori di casa, oltre ad altri nomi del mondo del pop come Imagine Dragons e Brandi Carlile.

View this post on Instagram

RP will be playing at @woodstock 50 on August 16th #Woodstock50

A post shared by Robert Plant (@robertplantofficial) on

L’annuncio di Woodstock 2019, cinquantesimo anniversario del festival del 1969

Woodstock 2019 era stato annunciato negli scorsi mesi in concomitanza con il cinquantesimo anniversario del ben più famoso festival del 1969, in cui si esibirono artisti immortali nel panorama della musica internazionale. Jimi Hendrix e Janis Joplin tra gli altri salirono sul palco in quell’occasione. Oltre alle critiche e ai detrattori, che hanno dichiarato a gran voce l’irripetibilità di un simile evento, Woodstock 2019 si profila come una grande occasione per celebrare la musica e l’arte.

“Cinquant’anni fa le persone si radunarono pacificamente in questo posto per tentare di cambiare il mondo attraverso la musica. Come custodi di questo sito storico, restiamo impegnati nel conservare e mantenere questo importante retaggio e il suo spirito, educando e ispirando le nuove generazioni per far sì che contribuiscano positivamente al mondo in cui viviamo attraverso la musica e la cultura”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.