gtag('config', 'UA-102787715-1');

Roger Waters ha parlato con David Gilmour per una reunion dei Pink Floyd

L’ex bassista dei Pink Floyd Roger Waters ha parlato con David Gilmour. Già questa è una notizia. Come saprete, il rapporto tra i due non è dei migliori. Molti fan hanno sperato (e sperano ancora oggi) in una reunion dei due per suonare di nuovo i Pink Floyd. Purtroppo abbiamo una brutta notizia: i due non si sono riappacificati (almeno non professionalmente).

Il documentario di Roger Waters

Waters ha parlato di Us + Them, il documentario musicale che verrà proiettato nei cinema (presentato anche alla Mostra del Cinema di Venezia). Il Nostro ha raccontato di essere stato molto felice, quasi sorpreso da Gilmour per la vendita delle chitarre di David per scopi benefici. Fin qui nulla di male, anzi.

Ma Roger ha notato una cosa che lo ha fatto leggermente arrabbiare. Gilmour aveva bloccato la promozione del documentario Us + Them sul sito ufficiale dei Pink Floyd. Potete immaginare la reazione dell’ex bassista dei Pink Floyd.

L’incontro con Gilmour

I due hanno parlato. L’incontro tra Waters e Gilmour, secondo Roger, non è stato completamente negativo. L’incontro ha chiarito alcune questioni ma NON ci sono state aperture. Per cui non ci sarà nessuna reunion e non ci saranno concerti dei Pink Floyd.

Waters ha ammesso di essere concentrato sulla sua carriera solista, come Gilmour del resto. Ha però elogiato Nick Mason, ex batterista dei Pink Floyd, dichiarando di essere stato onorato di aver lavorato con lui. Ha parlato dei futuri live, che non saranno uguali ai 157 show dell’Us + Them Tour. Anzi, ci sarà ancora un maggior impegno politico, influenzato anche dalle parole di Greta Thunberg e l’odio verso Donald Trump.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.