gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rolling Stones: la storia del litigio tra Mick Jagger e Keith Richards

Chiunque pensi ai Rolling Stones ha in mente l’immagine di Mick Jagger e Keith Richards, sul palco assieme, fianco a fianco. Il cantante e il chitarrista sono le due figure cardine della band inglese, eppure in passato hanno dovuto affrontare non pochi problemi. Nonostante si possa affermare che gran parte del merito per la longevità della band sia dovuto all’affinità tra le due leggende del rock, negli anni ’70 erano arrivati davvero ai ferri corti. Scopriamo ulteriori dettagli in questo articolo.

ROLLING STONES, L’AMICIZIA TRA MICK JAGGER E KEITH RICHARDS

Prima di scoprire cosa successe tra Mick Jagger e Keith Richards agli inizi della carriera con i Rolling Stones, scopriamo da quanto tempo effettivamente i due si conoscono. Entrambi sono originari di Dartford nel Kent e a quattro o cinque anni si ritrovano addirittura vicini di casa. Il loro rapporto si costruisce dunque attraverso i giochi e la spensieratezza dell’infanzia, finché non finiscono in scuole diverse e Richards si trasferisce.

Dopo alcuni anni in cui si erano persi di vista, infine i due si incontrano su un treno per pendolari. Parlando del più e del meno, Jagger e Richards scoprono di avere praticamente gli stessi gusti musicali, ovvero il Rhythm and Blues. E’ all’incirca in quel periodo che iniziano a fantasticare sull’eventualità di fondare una band.

GLI ANNI SETTANTA E LA CRISI DEI ROLLING STONES

Dopo la pubblicazione dei primi album e la scalata al successo, i Rolling Stones entrano negli anni ’70 tra concerti, sessioni di registrazione ed eccessi, legati ad alcol e sostanze stupefacenti. Come racconta Robert Greenfield nel suo libro Ain’t It Time We Said Goodbye – e come anche riportato da Virgin Radio – è proprio in questo periodo che i due amici di lunga data, Mick Jagger e Keith Richards, arrivano ai ferri corti.

Il chitarrista è sempre stato la perfetta incarnazione del motto sesso, droga e rock ‘n’ roll. Tanto che nel corso degli anni ’70 la sua dipendenza da eroina raggiunse il culmine. Poco prima dell’inizio di un tour, Richards provò a disintossicarsi a tempo di record, chiudendosi per 72 ore in casa con il cantautore Gram Parsons. Ma fu tutto inutile.

MICK JAGGER, QUANDO STAVA PER CACCIARE KEITH RICHARDS DAI ROLLING STONES

Mentre Keith Richards combatteva contro la sua personale dipendenza da eroina, Mick Jagger chiudeva la sua relazione con Marianne Faithfull perché anche lei schiava della stessa droga. I due eventi nello stesso periodo portarono il rapporto tra i due allo stremo. Come racconta Greenfield nel libro, il cantante annunciò che “l’era Chuck Berry dei Rolling Stones fosse finita.

Nel 1973 Mick Jagger iniziò anche a considerare l’idea di cacciare l’amico Keith Richards dalla band. E non solo per la dipendenza da eroina. Quell’anno infatti, il chitarrista era stato arrestato nella sua dimora di Cheyne Walk per detenzione di stupefacenti e possesso di armi da fuoco. Accuse che gli fecero rischiare un anno di carcere. Alla fine Richards riuscì a scamparla al processo e non venne cacciato dai Rolling Stones. In una recente intervista lo stesso chitarrista ha fatto un bilancio del suo passato comportamento. “Ho capito che dovevo avere più rispetto nei confronti del frontman. Perché mentre io potevo andarmene e ritornare, il frontman ci sta sempre dentro, non si ferma mai”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.