gtag('config', 'UA-102787715-1');

The Beatles, quello strano viaggio a casa di Elvis Presley

Quando si parla di grandi artisti gli amanti della musica sono sempre entusiasti. Ancora di più se si viene a conoscenza di incontri speciali tra artisti rock. L’incontro tra i Beatles ed Elvis Presley interessa moltissimo i fan, che cercano di raccogliere più testimonianze possibili a riguardo. Così è pieno di elementi che possono incuriosirci riguardo, ad esempio, il viaggio che i Beatles fecero per andare a trovare Elvis. Vediamo come hanno raccontato la vicenda loro stessi.

Quando i Beatles si persero

Riflettendo sull’esperienza, George Harrison ha spiegato:”In un viaggio o nell’altro abbiamo incontrato Elvis”, dice, ma la cosa più divertente è che a quanto pare stavano dimenticando dove stavano andando mentre si recavano da lui. “È stato divertente perché quando ci siamo avvicinati a casa sua ci siamo dimenticati dove stavamo andando e siamo in questa Cadillac Limousine, e sai com’è a Los Angeles tutto gira e rigira. E poi penso che stessimo percorrendo Mulholland Drive”. Altro elemento divertente è il fatto che Harrison abbia raccontato che mentre viaggiavano, i Beatles da bravi inglesi prendevano il té:“Abbiamo preso un paio di tazze di tè sul retro della macchina. Quando siamo arrivati ​​a casa di Elvis, ci siamo dimenticati dove stavamo andando, non importava davvero dove stessimo arrivando. Ma in realtà era Bel Air, ero piuttosto entusiasta di tutto e siamo arrivati”.

L’arrivo a casa di Elvis

Ancora, George Harrison ha poi ricordato il grande entusiasmo che avevano. Anche se i Beatles erano già musicisti affermati, incontrare il re del rock non capita tutti i giorni nemmeno a loro. “Ci siamo fermati e c’erano queste grandi porte e qualcuno ha detto ‘Oh sì, vedremo Elvis’. E poi siamo caduti tutti, proprio come in un cartone animato dei Beatles. Siamo tutti caduti dall’auto come ‘hehe’ in preda all’isterismo, cercando di far finta di non essere sciocchi. E poi siamo entrati in casa e c’era Elvis seduto sul divano a suonare un basso Fender collegato a un amplificatore a guardare la TV. Quindi appena siamo entrati abbiamo suonato con lui, sai. Tutto è stato collegato a tutto ciò che ci circondava e tutti abbiamo suonato e cantato”.

Il racconti della moglie di Elvis

Riguardo all’incontro tra Elvis e i Beatles, la moglie di Elvis ha raccontato che erano tutti incredibilmente entusiasti. In particolare, ha spiegato come John Lennon fosse il più timido di tutti, fissava Elvis senza dire nulla. Il fatto che Elvis si sia messo a suonare quel basso, forse è stato proprio un modo per rompere il ghiaccio e tranquillizzare i Beatles così nervosi ed emozionati. “Avevamo fantasticato su di lui da quando eravamo giovani adolescente ed eccolo qui in carne e ossa. Quindi, è stato grandioso. È stato veramente splendido”, disse John Lennon riguardo all’incontro.

Share

Laureata in lettere moderne e laureanda in Filologia moderna. Siciliana doc, scrittrice, ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.