gtag('config', 'UA-102787715-1');

Theremin, la storia del primo strumento elettronico mai esistito

Tra le innovazioni tecnologiche della storia della musica, l’utilizzo del theremin è senz’altro una delle più interessanti. Molti lo considerano come il primo strumento elettronico in senso assoluto, il più antico tra gli oggetti musicali che non richiedono alcun contatto fisico diretto. Scopriamo insieme le sue origini, la sua storia e le occasioni principali nelle quali è stato utilizzato. D’altronde, uno strumento del genere ha davvero tanto da raccontare ad ogni appassionato.

Le origini del theremin

La nascita del theremin risale al 1919 e scaturisce dal genio assoluto di un fisico sovietico, Lev Sergeevic Termen, conosciuto anche semplicemente come Léon Theremin. Quest’ultimo stava effettuando una serie di esperimenti nel laboratorio del fisico Abram Ioffe, basati sulla misurazione della densità dei gas all’interno di uno spazio vuoto. Dopo alcuni test, Termen si rese conto che, in determinate circostanze, era possibile generare un fischio la cui intensità dipendeva dalla distanza della mano dai relativi circuiti.

Creò così l’eterofono, uno strumento musicale basato su un simile principio. Quindi, lo presentò ad un gruppo di musicisti e imprenditori di New York, per poi diffonderlo anche in Europa. La prima musicista che lo utilizzò con una certa frequenza fu la lituana Clara Rockmore.

L’utilizzo del theremin da parte di Jimmy Page

Uno degli utilizzi più noti del theremin è senz’altro quello del chitarrista dei Led ZeppelinJimmy Page. Il musicista ha sempre considerato questo strumento “molto divertente” nonostante “non abbia sei corde”. Jimmy impugnò un modello Sonic Wave come se fosse stato una chitarra, tra la fine degli anni ’60 e gli inizi dei ’70. Per sfruttare fino in fondo le sue potenzialità, si servì di un sistema di amplificatori Orange e di un dispositivo Maestro Echoplex.

Ciò gli consentiva di dare forma ad un suono elettrizzante, con echi di rumore capaci di coinvolgere ampie platee. Aggiungiamo a questo strumento la sua celebre chitarra Gibson Les Paul, con la prospettiva di creare suoni simili a quelli di un arco di violino. Page non poté fare a meno di questo oggetto prezioso in occasione di Whole Lotta Love, una delle registrazioni più sperimentali e apprezzate dei Led Zeppelin“Il theremin genera buona parte dei suoi più alti e la mia Les Paul quelli più bassi”, ha spiegato di recente il chitarrista in occasione di un’intervista a Guitar World.

Gli altri utilizzi principali di questo intrigante strumento

Numerose altre star della musica si sono servite del theremin per dare vita a suoni estremamente efficaci. Ad esempio, i Beach Boys se ne servirono in occasione degli album Pet SoundsWild Honey, oltre che durante il singolo Good Vibrations. Nel 1983, Michael Jackson utilizzò l’oggetto musicale per il celebre brano Thriller. Il compositore della band heavy metal tedesca EdguyTobias Sammet, ha adoprato il theremin in occasione della canzone del 2014 Space Police, in un apprezzato assolo.

Lo strumento elettronico viene usato a più riprese anche per rendere l’atmosfera sempre più inquietante durante i film horror o fantascienza. Inoltre, diversi esponenti del pop radiofonico italiano hanno fatto uso di questo prodotto, da Ermal MetalVinico Capossela, da Gaudi agli Afterhours passando per i Baustelle. Ciò fa comprendere quanto una soluzione del genere sia in grado di raccogliere consensi a livello universale.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)