gtag('config', 'UA-102787715-1');

10 rockstar che forse non sapevi fossero anche pittori

Paul Stanley

Il Kiss espone sempre le sue opere d’arte sul suo sito. La pittura è un passatempo a cui è molto affezionato, ha dipinto anche diverse opere a tema rock. In effetti, la sua arte è sempre stata messa anche al servizio della musica, nei suoi progetti di copertine, palcoscenici e abbigliamento dei KISS. Stanley ha però creato anche ritratti e abstract intrisi di una grande emotività. Nonostante sia naturalmente più conosciuto come musicista, ha venduto moltissimo e le sue opere sono state acquisite da numerosi collezionisti d’arte. Tecnicamente le sue opere, infatti, sono molto precise ed ha mostrato più volte di maneggiare varie tecniche.

Ronnie Wood

Il chitarrista dei Rolling Stones ha unito la sua passione per la pittura al suo amore per la sua band. Infatti, ha dipinto soprattutto tributi agli Stones. La sua opera più famosa è The Picasso Stones. Come suggerisce il titolo, è un dipinto che riprende lo stile di Picasso ed omaggia i Rolling Stones. Non si tratta di semplici tributi fatti da un musicista alla sua arte, infatti Ronnie ha studiato all’Ealing Art College e ha imparato una vasta gamma di generi, dall’astratto ai paesaggi e alla ritrattistica. Secondo quanto riporta Castle Fine Art, Ronnie Wood usa diverse tecniche: carboncino, oli, acquerelli, vernici spray, pastelli ad olio e acrilici e avrebbe dichiarato: “Non esiste un tipo di terapia come quella che hai di iniziare una foto e poi vederla fino alla fine”.

Patti Smith

Tra le rockstar che sono anche pittori annoveriamo questa cantante che, in realtà, oltre che alla musica, si dedica anche alla fotografia, alla pittura e addirittura anche alla scultura. Patti Smith ha cominciato a disegnare e fotografare già dalla fine degli anni ’60. Tutte le sue opere si possono trovare sul sito del Moma, dove si alternano autoritratti e opere molto minimali, espressioni della semplicità che è sempre appartenuta alla cantante.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical. (Domande e proposte: silviargento97@gmail.com)