16 Maggio 1966: I Beach Boys pubblicano “Pet Sounds”, uno degli album più influenti del rock

Era il 16 Maggio 1966 quando uscì “Pet Sounds”, il capolavoro di Brian Wilson. I Beach Boys spiazzano tutti: i tantissimi fan del gruppo, abituati alle vivaci e spensierate canzoni sul surf, restano interdetti e meravigliati di fronte a questo disco così rivoluzionario e ambizioso. L’album, ideato e arrangiato da un appena ventitreenne Brian Wilson, presenta una musica molto più matura e vivace, lontanissima da quel sound originario tipico della band.

Brian Wilson: cuore ed anima dei Beach Boys

In realtà Brian Wilson non era mai stato “un ragazzo da spiaggia”, a dirla tutta non aveva nemmeno mai messo piede su una tavola da surf. Brian è sempre stato un ragazzo piuttosto riservato, timido e sordo ad un orecchio dall’infanzia, ma con uno spiccato senso per la musica.

Wilson, che all’epoca faceva uso di acidi, racconta che mentre lavorava al disco fu guidato da una forza superiore: “Mentre ero a lavoro per Pet Sounds immaginavo di avere un’aureola, eppure le persone non riuscivano a vederla. Durante la lavorazione dell’album Dio era con noi. Era li con me: io potevo vederlo, potevo sentirlo.”

Pet Sound: uno degli album più influenti della storia

Pet Sounds, undicesimo album dei Beach Boys, è senza ombra di dubbio una pietra miliare della musica rock. Il disco è considerato unanimamente come uno degli album più influenti della storia. Questo capolavoro, infatti, si è aggiudicato il primo posto di numerose classifiche di “album migliori di tutti i tempi”. In altre, invece, figurava “solo” al secondo posto.

Alcuni dei più grandi artisti della storia della musica come Eric Clapton, Bob Dylan ed Elton John sostenevano che l’album dei Beach Boys rappresentasse una vera e propria svolta nella storia della musica. Ma quelli che maggiormente furono influenzati da Pet Sounds sono stati i Beatles: il produttore della band, George Martin, affermò che Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band senza Pet Sounds non sarebbe mai nato. E non è tutto: Paul McCartney considera la canzone “God Only Knows” come la più bella canzone d’amore mai composta.

Pet Sounds: le origini del titolo

Sulle origini e il significato di “Pet Sounds” sappiamo ben poco. Brian Wilson, nella sua biografia “Wouldn’t It Be Nice”, afferma che il titolo fu ispirato dai commenti dispregiativi usati da Mike Love per descrivere il materiale del disco: “Chi ascolterà questa merda? Al massimo un cane!

Beach Boys banditi dallo zoo di San Diego

Per scattare alcune foto per il loro album, I Beach Boys, si recarono il 13 febbraio 1966 allo zoo di San Diego. Secondo quanto riportato dal San Diego Union-Tribute i membri della band non trattarono la cosa con serietà. Il direttore dello zoo John Muth, senza fare nomi, ha accusato uno dei ragazzi di aver lanciato una carota contro una tigre. Un altro fu accusato di aver infilato la testa di un antilope tra le sbarre di ferro del recinto. Altri invece di aver messo dei pulcini in posti non adatti a loro. Dopo questa pessima esperienza il direttore dello zoo riferì ai giornali: “I Beach Boys non sono più i benvenuti nel nostro zoo e non lo saranno mai più!

Anche i membri del gruppo non furono molto entusiasti dell’esperienza. Per Bruce Johnson le capre coinvolte nel servizio fotografico erano orrende. Brian Wilson ha invece affermato di non essere mai più tornato allo zoo dopo quel giorno.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)