gtag('config', 'UA-102787715-1');

Cinque canzoni nel cantautorato italiano che hanno testi poetici

Il legame fra poesia, musica e letteratura è sempre stato molto forte. Non è raro infatti, trovare dei riferimenti poetici in talune canzoni e gli esempi da fare in merito sono molteplici. Pur essendo due cose scisse, canzone e poesia, come già detto, condividono molto. Non si tratta solamente di temi e struttura metrica, hanno una storia in comune, che ha a sua volta, radici lontane. Musica e poesia allora nascono quasi parallelamente e si accompagnano sin da sempre, in un connubio unico. Cercare però di trovare un punto di inizio non è molto semplice: possono essere citate – per esempio – le ballate, le quali sono delle produzioni medievali che si basavano su un testo poetico e destinate al ballo e al canto. Gli esempi in epoca contemporanea vedono invece le produzioni di cantautori italiani come Fabrizio De André Francesco de Gregori. Ecco allora le cinque canzoni nel cantautorato italiano che hanno testi poetici.

Geordie, Fabrizio De André

Quando si parla di canzoni che hanno testi poetici è impossibile non citare più volte De André. La canzone in questione è addirittura in origine una ballata collocabile intorno al XVI secolo. Proprio per segnalare il legame sopracitato, possiamo notare come la struttura metrica del componimento che rispecchi molto l’originale e ancora, la varietà di versioni che sono circolate, tanto che il cantautore ha potuto scegliere da sé il reato da attribuire a GeordieQuesto era infatti soggetto a mutamento e successivamente, ha anche potuto scegliere l’entità del furto, costruendo una versione tutta sua.

Generale, Francesco De Gregori

Anche De Gregori ha dato il suo enorme contributo alla canzone d’autore italiana. Generale ha una carica poetica strabiliante. Oltre all’adattamento musicale e alla trama che creano le rime,temi che vengono trattati (che spaziano dall’amore alla guerra, dalla maternità alla morte) vestono il testo di una profondità che non è tipica di tutti i componimenti, ecco perché può far parte delle canzoni che hanno testi poetici.

Agnese, Ivan Graziani

Ivan Graziani è stato un cantautore attivo come solista a partire dagli anni Settanta. Molte sono le sue canzoni che potrebbero essere considerate poesie ma in Agnese, ritroviamo sicuramente tutte le caratteristiche del caso. Il testo si presenta come fosse un flashback dell’autore che tira in ballo la sua infanzia e la dolce Agnese” che non ha mai dimenticato.

La canzone di Marinella, De André

Forse una delle canzoni più emozionanti di De André, protagonista una ragazza, MarinellaLa verità è che nonostante l’indiscutibile forma poetica che l’autore ha saputo dare al testo, purtroppo l’ispirazione fu presa da un fatto di cronaca veramente accaduto e che ha tanto emozionato De André, ancora adolescente. Queste le sue parole in merito: “La Canzone di Marinella non è nata per caso, semplicemente perché volevo raccontare una favola d’amore. È tutto il contrario.”

L’isola che non c’è, Edoardo Bennato

Pubblicata negli anni Ottanta fa parte dell’album Sono solo canzonette. E’ una delle stesura più famose di Bennato, che ha scelto come centro del suo testo un impianto quasi favolistico. Come dice il titolo si parla di un’isola che non c’è “, che può essere raggiunta seguendo le stelle. Qui non esiste l’odio, né la violenza, ed è per questo che la costruzione fatta da Bennato è assolutamente utopica, un’utopia che avrebbe molto da regalarci, se non fosse appunto irrealizzabile. Da una concezione che potrebbe sembrare bambinesca e puerile nasce invece una grande metafora: quella della vita.

 

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. Ferrata nella stesura di articoli e aspirante scrittrice. (mariageraci9@icloud.com)