gtag('config', 'UA-102787715-1');

I cinque migliori album Live nella storia del Rock

Ciò che della musica Rock tende maggiormente a stupire, sono le manifestazioni d’infinito estro e carisma degli artisti sul palco. Nel corso dei decenni, si sono susseguite, sui plachi più disparati, esibizioni rimaste impresse nell’immaginario collettivo come pietre miliari della storia della musica. Veri e propri capi saldi che hanno fatto scuola ai musicisti di oggi. Negli anni d’oro del Rock, la musica ha avuto, come massima espressione, i momenti dal vivo. Attimi di pura e, fino ad ora inimitabile, esaltazione, in cui i musicisti concedevano anima e corpo alla loro arte.

Le esibizioni dei capostipiti del Rock culminavano spesso in lunghe improvvisazioni in cui, il palco, sembrava prendere fuoco o, in numeri mirabolanti che, più volte, hanno messo a repentaglio l’incolumità del pubblico o degli stessi artisti. Alcuni tra gli spettacoli più memorabili di sempre, sono stati raccolti sotto forma di dischi e pubblicati come album live. In questa classifica, abbiamo raccolto alcuni tra i dischi dal vivo migliori di tutti i tempi.

5) Nirvana – Unplugged (1994)

I Nirvana si privarono delle distorsioni e degli effetti aggressivi che utilizzavano sul palco, quasi per mascherare il carico di crude emozioni che travolse il pubblico dell’ MTV Unplugged. Un album dal vivo che venne pubblicato postumo alla tragica morte di Kurt Cobain. Il gruppo si esibì in un’atmosfera volutamente melanconica. Il leader dei Nirvana voleva che lo studio venisse adornato riproducendo pedissequamente gli ornamenti tipici di una cerimonia funerea. Un’esibizione struggente che, col senno di poi, lascia ben poco all’immaginazione e che, ad oggi, rappresenta una gemma nella storia del Rock.

4) U2 – Under A Blood Red Sky (1983)

Quando gli U2 si esibirono al Red Rocks Amphitheatre, a Denver, il 5 giugno del 1983; le condizioni metereologiche erano talmnete avverse che la metà del pubblico pagante non si presentò. Il concerto si svolse nelle fattispecie più rischiose. Entrambe le esibizioni dei gruppi d’apertura vennero cancellate per motivi di sicurezza. In ogni caso, ciò che è stato raccolto in Under A Blood Red Sky, è un concentrato di pura esaltazione. Bono cantò con incommensurabile passione, regalando ai propri spettatori uno show memorabile.

3) B.B. King – Live In Cook County Jail (1970)

B.B. King si esibì alla prigione di Cook County in un clima particolarmente critico. I detenuti si rivoltarono contro lo sceriffo della contea che annunciò il musicista sul palco. Eppure, attraverso la sua eleganza e l’immancabile umiltà, che da sempre, contraddistinguevano B.B., questi riuscì a placare gli animi invisi dei prigionieri, dedicandogli una delle sue migliori esibizioni.

2) Motörhead – No Sleep ‘Til Hammersmith (1981)

I Motörhead  sono stati il manifesto dell’ Heavy Metal. No Sleep ‘Til Hammersmith è, invece, la massima espressione della loro forma più cruda. Un album conciso, travolgente e incendiario in cui il gruppo capitanato da Lemmy Kilmister, ha proposto i propri più grandi successi aumentando il tempo e suonando al massimo della loro furia esplosiva. No Sleep ‘Til Hammersmith rappresenta uno dei punti più alti nella storia del Rock e dell’Heavy Metal.

1) Deep Purple – Made In Japan (1972)

In soli 7 tracce, i Deep Purple furono capaci di riscrivere completamente la storia del Rock. Made In Japan è, sostanzialmente, l’album live per eccellenza. Eccitante e coinvolgente; la band catturò gli istanti migliori di una tre giorni ad Osaka e Tokyo, in Giappone; nel corso della quale, i membri del gruppo si esibirono per il gusto di proporre i propri brani in un clima che rispecchiava la sintonia e il divertimento di una Jam Session in sala prove. Più tardi, infatti, Jon Lord rivelò che i Deep Purple stessero suonando con passione, senza prestare, forse, la dovuta attenzione al pubblico; non avendo esperienza con le incisioni dal vivo. Il risultato, seppur involontario, rivoluzionò totalmente i canoni stilistici della musica dal vivo.

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)