gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury, Perché il video di Living on my own venne censurato?

Freddie Mercury è stato il cantante e frontman dei Queen fino alla sua prematura scomparsa. La sua voce unica è considerata una delle più belle della musica, non solo rock ma in generale. È innegabile la sua potenza vocale e la sua enorme presenza scenica, da cui moltissimi artisti hanno preso esempio. Freddie Mercury è stato un personaggio senza precedenti per moltissimi fattori. È conosciuto, però, anche per i suoi eccessi che culminano in un video ufficiale che venne effettivamente censurato. Si tratta di Living on my own, canzone che Freddie Mercury inserì nel suo album solista, pubblicato nel 1985 per la Columbia Records.

Mr. Bad Guy e Freddie Mercury come solista

Il tentativo di Freddie di fare un’esperienza solista non fu paragonabile al successo dei Queen, ma sicuramente non passò inosservato. La voce del grande frontman venne messa ancora di più in risalto, nonché la sua grande versatilità. Un artista camaleontico. Ciò spicca dalla varietà dei generi musicali e delle tematiche. Tra le canzoni più conosciute dell’album Made in Heaven o I was born to love you, che vennero poi inserite nell’album postumo dei Queen dal titolo proprio Made in Heaven. Del resto, tantissime canzoni dall’album di fatto erano state scritte da Freddie per essere destinate alla band dei Queen, ma scartate dagli altri membri del gruppo. Da segnalare anche There Must Be More to Life Than This, la cui demo venne pubblicata postuma in una versione in duetto con Michael Jackson. Tuttavia, la più famosa del lavoro solista di Mercury è senza dubbio Living on my own, che nel suo testo rivela moltissimo della personalità di Freddie Mercury.

Sometimes I feel nobody gives me no warning
Find my head is always up in the clouds in a dreamworld
It’s not easy, living on my own, my own, my own.

Perché fu censurato il video di Living on my own?

Freddie Mercury ha girato un video ufficiale molto particolare per questo brano. Infatti, le riprese vennero effettuate durante la sua festa di compleanno, quando compì trentanove anni. Alla festa parteciparono addirittura trecento ospiti e venne svolta a Monaco di Baviera, luogo insieme agli Stati Uniti in cui vennero svolte le registrazioni per l’album solista di Freddie. Nel video vediamo il nostro Freddie entrare con il suo compagno, Jim Hutton ad accogliere i vari invitati. La festa è in maschera e vi sono vari riferimenti alla sessualità ed all’erotismo. Anche per questo motivo, fu lo stesso Freddie Mercury a voler archiviare il video, perché lo considerava a tratti imbarazzante, poiché si vedevano benissimo i visi delle persone invitate e pensava che per i suoi amici non sarebbe stata una bella cosa. Inoltre, tra maschere e costumi discutibili, il video è tutto sommato un po’ promiscuo. Finalmente nel 2019 è uscita una versione rimasterizzata del video, che invece per oltre trent’anni abbiamo conosciuto in versione censurata.

Share

Laureata in lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, scrittrice, ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.