26 January, 2021, 09:36

I 5 migliori album rock ispirati al Natale

Gli album natalizi sono un elemento sempre presente in questo periodo dell’anno. Nel corso dei decenni anche molti gruppi o solisti di musica rock si sono lasciati sedurre dalla prospettiva di registrate un album a tema natalizio. Solitamente da molte persone questo viene visto come un gesto atto al solo guadagno, ma in alcuni casi i prodotti pubblicati si sono rivelati di alta qualità anche dal punto di vista musicale. Vediamo allora i cinque migliori album rock ispirati al Natale.

Elvis Presley, “Elvis Christmas Album” (1957)

Elvis Presley propagò ulteriormente la sua leggenda quando nel 1957 pubblicò il suo primo album di Natale, passando dalla versione ammiccante e ribelle di “Santa Bring My Baby Back to Me”, al profondamente religioso “O Little Town of Bethlehem”, e toccando anche un po ‘di country con “Take My Hand, Precious Lord”. All’epoca fu un prodotto particolarmente rivoluzionario, tanto che il compositore Irving Berlin rimase così sconvolto dall’idea che Presley avesse registrato “White Christmas” che cercò di bandire questa versione dalle radio. Fortunatamente per noi, non riuscì nell’intento. Di particolare interesse è la traccia “Santa Claus is Back In Town”.

Beach Boys, “Beach Boys Christmas Album” (1964)

Sono molti i pezzi ben riusciti contenuti in questi LP, a cominciare dall’intramontabile “Little Saint Nick”. Scavando più a fondo, tuttavia, è nei momenti orchestrali emergono i momenti topici. “Blue Christmas”, ad esempio, sembra rimandare direttamente la maestosa fantasticheria pop che si può trovare anche negli album più noti della band, quali “Pet Sounds” e “SMiLE”.

Jethro Tull, “The Jethro Tull Christmas Album” (2003)

In quella che finora è l’ultimo disco in studio dei Jethro Tull, Ian Anderson ed il collaboratore di lunga data Martin Barre mescolano canzoni tradizionali con materiale inedito adatto alla stagione natalizia. Tra i momenti salienti ci sono la loro rielaborazione di “Greensleeves”, l’originale di Barre “A Winter Snowscape” e “Holly Herald”, oltre ad un medley strumentale arrangiato da Anderson.

The Moody Blues, “December” (2003)

Un album caldo e costantemente affascinante che fonde temi stagionali tradizionali con proposte più recenti, tra cui “Happy Xmas” di John Lennon, e l’originale di Justin Hayward “Don’t Need a Reindeer”. Come nel caso analizzato poc’anzi con protagonisti i Jethro Tull, questo è attualmente il più recente lavoro in studio dei Moody Blues.

Bob Dylan, “Christmas in the Heart” (2009)

Bob Dylan, che canta cose natalizie non è probabilmente la prima immagine che balena nelle nostre menti quando pensiamo al cantautore statunitense. Ma, in qualche modo, lo ha fatto, nonostante nonostante fosse cresciuto seguendo la credenza ebraica. Dylan dà a queste vecchie canzoni una nuova vita, aggiungendo nuova fragilità ad ogni momento di quiete.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com