gtag('config', 'UA-102787715-1');

Musicisti che hanno predetto la loro morte

Musicisti che hanno predetto la loro morte: quando la musica diventa profezia

L’argomento del testo di una canzone può essere di qualsiasi tipo. Di solito si tende a parlare di ciò che si conosce, di cui si ha competenza. Si può passare da testi d’amore a testi che riflettono su alcune tematiche o problematiche della vita. Talvolta gli artisti si dedicano a tematiche più specifiche, come droghe, politica o molto altro. Ci sono stati, però, anche musicisti che hanno predetto la loro morte.

Testi profetici, dedicati o che parlano di se stessi, che hanno anticipato tragiche morti (nella maggior parte dei casi) nel mondo della musica. Quando la musica diventa profezia, questi i musicisti che hanno predetto la loro morte. 

The Ballad of Jimi di Jimi Hendrix

Il primo dei musicisti che hanno predetto la loro morte che prendiamo di riferimento è Jimi Hendrix. Testo più emblematico, per il chitarrista statunitense tra i migliori della storia della musica, non poteva esserci: si tratta di The Ballad of Jimi.

Nel testo è la figura dello statunitense a emergere, e a scontrarsi con una realtà profetica espressa in alcuni versi: “Molte cose le proverebbe / Per lui sapeva presto che sarebbe morto“, “Ora Jimi se n’è andato, non è solo / La sua memoria vive ancora” e “Cinque anni, questo ha detto / Non è andato, è solo morto“. Il brano fu registrato con R & B Curtis Knight. 

Borrowed Time di John Lennon

Un altro tra i musicisti che hanno predetto la loro morte è John Lennon. In questo caso, i versi del cantante britannico li si ricavano all’interno della canzone Borrowed Time. L’interpretazione e la chiave di lettura sono più metaforiche rispetto a quelle di Hendrix, che è sceso nei dettagli in maniera anche piuttosto cruda.

Il verso a cui si fa riferimento è il seguente: “Vivere il tempo preso in prestito senza un pensiero per il domani”. A dire il vero molti dei brani di questi anni sono considerati profetici: John Lennon era così tanto prolifico in questo periodo da aver lasciato molto di incompiuto. 

That Smell dei Lynyrd Skynyrd

La carriera dei Lynyrd Skynyrd è irrimedianbilmente interconnessa con l’incidente aereo che decimò la formazione e segnò la fine della band stessa. Se si pensa all’album che venne pubblicato soltanto qualche giorno prima, Street Survivors, c’è da avere la pelle d’oca. A partire dalla copertina, che vede i membri della band essere avvolti dalle fiamme.

Di sicuro, tra i musicisti che hanno predetto la loro morte, non possiamo non considerare la band e il brano That Smell. I versi in questione sono più che parlanti: “Dì che starai bene domani, ma domani potrebbe non essere qui per te “, “L’ angelo dell’oscurità su di te “. E ancora: “L’odore della morte ti circonda.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.