gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che Phil Collins cantò in cinque lingue diverse

Phil Collins è un artista che ha avuto grandissimo successo con la sua musica sia da solista che nei GenesisInfatti, insieme a Michael Jackson e Paul McCartney è uno dei tre artisti ad aver venduto di più. Non tutti sanno che prestando la voce per un film Disney, Phil Collins cantò in cinque lingue diverse, mettendosi a dura prova.

La colonna sonora di un film Disney a cura dell’ex Genesis

Il film Tarzan è uscito nel 1999 ed è uno dei classici Disney. Appartiene al così detto “Rinascimento Disney”, il decennio dal 1989 al 1999 in cui la Disney sperimenta nuove forme di narrazione e usa prevalentemente il musical. La colonna sonora di questa pellicola è particolare, in quanto per la prima volta è stata registrata in più lingue per i diversi mercati, mentre di solito ogni Stato in cui usciva il film se ne occupava. Naturalmente questo è merito della buona volontà del cantante che vi ha partecipato, Phil Collins che volle cantare in cinque lingue diverse: inglese (la sua lingua madre e lingua originale del film), ma anche in italiano, francese, tedesco e spagnolo. Le musiche sono state composte da Mark Mancina.

Phil Collins canta in cinque lingue diverse

La prova sicuramente fu particolarmente dura: le canzoni in Tarzan non sono direttamente cantate dai personaggi, ma servono a narrare le vicende e le sensazioni del momento. Se non si capiscono, quindi, ostacolano tutta l’impressione che si ha della storia. Per questo era particolarmente importante scandire bene le parole, soprattutto perché il film era chiaramente indirizzato a bambini. Il fatto di non far cantare direttamente i personaggi fu proprio un’idea di Phil Collins e per questo motivo insistette lui stesso per cantare in tutte le lingue: eventuali cambiamenti di voce col doppiaggio avrebbero pregiudicato la comprensione di tutta la pellicola.

Oltre al contesto dei personaggi e del film, le canzoni sono considerate parte del repertorio di Phil Collins. In primis chiaramente la versione originale inglese, che è la più famosa, tanto più se consideriamo che You’ll be my heart fu premiata con l’Oscar alla miglior colonna sonora, che in italiano diventa Sei dentro me. Altro brano famosissimo è Strangers like me (Al di fuori di me in italiano).

“Perché non so come è il mondo
Cosa succede al di fuori di me
Voglio più di un sogno
Appartenere al di fuori di me”.

Phil Collins preferisce cantare in italiano

Phil Collins ha continuato a curare colonne sonore per la Disney con il film Koda, fratello orso (per cui ha cantato addirittura oltre che in spagnolo, francese, italiano e tedesco, anche in giapponese) in seguito alla cui uscita ha dato prova di questa predilezione per la nostra lingua. Infatti, è uscito un album con tutte le canzoni del film cantate in italiano. Questo perché Collins si trova davvero bene a cantare in questa lingua, considerata la più facile di quelle che ha dovuto sperimentare per Tarzan. Secondo quanto riporta il corriere.it Phil Collins ha infatti dichiarato:

“L’ italiano è la più facile, è fatto per cantare. L’ importante è la pronuncia: se non sei chiaro i bambini non capiscono”.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.