gtag('config', 'UA-102787715-1');

Ascoltare musica in auto? Secondo la scienza fa bene: ecco perchè

Un sondaggio condotto su oltre 14 mila guidatori europei affermerebbe che, i Queen, rivestano il primo posto nella classifica delle band più ascoltate in auto.Inoltre, pare che gli automobilisti del Bel Paese siano particolarmente propensi a farsi accompagnare dalla musica dei Queen durante i loro viaggi e che, restringendo il campo ai soli guidatori italiani, la band inglese occuperebbe anche il secondo posto della classifica, con un consenso del 29% su “We will rock you”.

Gli effetti della musica sugli automobilisti

Presupponendo che, la musica sia un must in auto, soprattutto quando si è avvezzi a percorrere lunghi tragitti, approfondiamo una tematica largamente discussa su cui, uno studio inglese ha finalmente fatto luce.

Ascoltare musica in auto distrae il guidatore? Quanto è sicuro concedersi i propri brani preferiti alla guida? Ebbene, lo studio condotto dall’azienda di servizi finanziari “Moneybarn”, afferma che una playlist perfettamente bilanciata,trasmessa ad un volume adeguato rende, non solo, il guidatore più attento alla guida, ma lo induce anche ad affrontare al meglio le fatiche e gli impegni quotidiani.La classifica non si limita solo ad appoggiare l’ascolto di musica in auto, consiglia, infatti, anche alcuni dei brani col riscontro più positivo durante i sondaggi, suggerendo,inoltre di non eccedere nella scelta di brani troppo “movimentati”.

Pare, infatti, che una guida corretta e responsabile presupponga l’ascolto di canzoni contenute e dal ritmo per niente eccessivo; gli studi, dimostrano, infatti, come “Stairway To Heaven” dei Led Zeppelin sia il brano migliore con cui colorare le proprie traversate su ruote, denotando totale disappunto nei confronti di “American Idiot” dei Green Day che, a detta degli studiosi, induca ad un comportamento irrispettoso del codice della strada.

L’apporto emotivo della musica in auto

Un’ ulteriore indagine, questa volta condotta dall’azienda automobilistica “Seat”, afferma che cantare in auto giovi al benessere e infonda felicità negli automobilisti. Del resto, risulta praticamente impossibile non lasciarsi trasportare dai capolavori dei Queen o, in generale dai propri brani preferiti, di qualsiasi genere si tratti.

Lo studio, infatti, non si limita ad asserire che il 90% dei guidatori europei traggano carica positiva dall’ascolto di musica in macchina, pare, infatti, che anche le canzoni più “tristi” o comunque, più intense emotivamente, aiutino i guidatori nella vita quotidiana, siccome, queste, assistano la mente umana nel ricordo di esperienze e memorie passate, senza indurre in un’eccessiva nostalgia che,alla guida, risulterebbe controproducente se non, a tratti, pericolosa.

I brani più ascoltati in auto

Sorprendentemente, la classifica ha abbracciato, per lo più, brani di matrice Rock, in cui spiccano i nomi di Deep Purple con “Highway Star”, Led Zeppelin con “Rock n’ Roll”, Survivor con “Eye of the Tiger” e, ancora, Bon Jovi, Bruce Springsteen e Beatles. A delineare, ancora una volta come, il Rock sia una fonte intramontabile ed incontrovertibile di carica positiva e di come colmi la nostra vita di gioia ed elettricità.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)