gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, I duetti più sorprendenti del re del pop

Forse tra tutti gli artisti Michael Jackson è stato quello che aveva meno bisogno di un supporto sul palco. Anche facendo a meno di ballerini, musicisti ed eventuali featuring già da solo il re del pop sapeva intrattenere come nessun altro. Ovviamente, però, non si può fare tutto da solo e spesso Michael Jackson ha ricorso a collaborazioni, sia nei dischi sia nei concerti. Oggi vi parliamo di quei duetti che hanno reso amatissime certe canzoni e iconiche alcune esibizioni.

Say say say

Non si poteva non iniziare con questa. Say say say è un duetto con Paul McCartney che fece anche iniziare una grande amicizia tra lui e il re del pop. McCartney ha spiegato che l’acquisto dei diritti dei Beatles da parte del cantante la avrebbe poi inevitabilmente compromessa. Insieme a The girl is mine, questo è un connubio amatissimo tra una star del rock e una del pop.

Give in to me

Non si tratta di un duetto vero e proprio, nel senso che il compagno di Jackson qui non canta con lui, bensì lo accompagna con la chitarra. Naturalmente stiamo parlando di Slash. La loro collaborazione fu proficua e si ripeté diverse volte anche dal vivo, sorprendendo tutti.

Scream

Questo duetto resta in famiglia, in quanto vede Jackson cantare insieme con la sorella Janet. Il video di Scream è più famoso della canzone stessa, citato anche nei Guinness dei primati del 1996 come il più costoso della storia con oltre 7 milioni di dollari usati per realizzarlo (il video più costoso della storia in generale è in realtà sempre di Michael Jackson ed è quello di Ghosts con i suoi 15 milioni di dollari). Invettiva rabbiosa contro i media, sicuramente una canzone iconica anche per il duetto dei fratelli.

The way you make me feel (live)

Non è mai stata incisa, ma è una esibizione live svolta durante il Michael Jackson: 30th Anniversary Celebration – The Solo Years, i due concerti organizzati a New York per festeggiare i trent’anni di carriera del re del pop. Durante tali concerti, Jackson duettò con diversi colleghi (tra i quali Whitney Houston, Beyoncé, ecc.), ma l’esibizione rimasta nella mente di tutti fu quella di The way you make me feel con la “principessa del pop” Britney Spears.

There Must Be More to Life Than This

Normalmente eviterei di porre una canzone postuma in una lista del genere. Tuttavia, questa canzone Michael Jackson la scrisse insieme con Freddie Mercury. In prima battuta venne pubblicata senza le sue parti vocali, per poi essere disponibile per tutti in versione duetto dopo la sua morte. Non è un semplice brano, ma la storia di una grande amicizia tra due artisti fondamentali per la storia della musica.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.