gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, l’ultima scaletta suonata dalla band prima della morte di Freddie Mercury

I Queen sono una delle band più amate e seguite nella storia del rock, capaci di conquistare milioni di fan in tutto il mondo grazie a canzoni leggendarie del calibro di “We Are The Champions”, “We Will Rock You” o “Don’t Stop Me Now”. La loro carriera iniziò del 1970 e la formazione è rimasta invariata del 1971 quando, al fianco del chitarrista Brian May, il batterista Roger Taylor e del frontman Freddie Mercury si unì il bassista John Deacon.

Queen: la fine dei live show

Il film biografico sul gruppo, “Bohemian Rhapsody”, culmina con lo spettacolo mozzafiato che ebbe luogo al Live Aid nel luglio 1985, ma la carriera della band non è finita qui. Infatti i Queen hanno continuato a registrare in studio fino a quattro mesi prima della morte di Mercury il 24 novembre 1991. Tuttavia le loro apparizioni live si interruppero quando al cantante fu diagnosticato l’HIV nel 1987.

Queen alla Knebworth House

Lo spettacolo finale dei Queen si intitolava “A Night Of Summer Magic” e si tenne alla Knebworth House nell’Hertfordshire il 9 agosto 1986. Era la data finale di un tour europeo che fungeva da promozione all’album A Kind Of Magic della band, all’epoca il loro ultimo disco, uscito nel giugno di quell’anno. Freddie e compagni avevano già suonato due sere al Wembley Stadium di Londra a luglio, seguite da una notte al Maine Road di Manchester pochi giorni dopo.

La scaletta dell’ultimo show

Il prezzo del biglietto per quello show era di £ 14,50. La canzone d’apertura fu “One Vision”, che fu scritta e pubblicata come singolo poco dopo i Live AID del 1985. La scaletta proseguiva poi con un alternarsi di brani classici, come “Tie Your Mother Down”, e più recenti, come la title track “A Kind Of Magic”, fino a culminare nel finale con “God Save The Queen”. In seguito la lista completa delle canzoni eseguite nel corso di quello storico live.

  1. “One Vision”
  2. “Tie Your Mother Down”
  3. “In The Lap Of The Gods… Revisited”
  4. “Seven Seas Of Rhye”
  5. “Tear It Up”
  6. “A Kind Of Magic”
  7. “Under Pressure”
  8. “Another One Bites The Dust”
  9. “Who Wants To Live Forever”
  10. “I Want To Break Free”
  11. “Impromptu”
  12. “Now I’m Here”
  13. “Love Of My Life”
  14. “Is This The World We Created…?”
  15. “(You’re So Square) Baby I Don’t Care/ Hello Mary Lou/ Tutti Frutti (Medley)”
  16. “Bohemian Rhapsody”
  17. “Hammer To Fall”
  18. “Crazy Little Thing Called Love”
  19. “Radio Ga Ga”
  20. “We Will Rock You”
  21. “Friends Will Be Friends”
  22. “We Are The Champions”
  23. “God Save The Queen”
Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com