gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury: un amico rivela le passioni segrete del cantante

Abbiamo ampiamente trattato la forte amicizia che legava Freddie Mercury e il suo assistente personale, Peter Freestone. Quest’ultimo, è recentemente coinvolto in molte interviste in cui, egli racconta i particolari della vita con la stella dei Queen. Tra alti e bassi, Freestone disegna sempre un ritratto vivido e genuino di Freddie, tipico di chi, con la sua dipartita, ha visto volare via una parte importante di sé. Ricordiamo che Freestone è stato l’assistente di Freddie Mercury per ben 12 anni e gli è rimasto accanto fino alla sua morte.

La passione ossessiva di Freddie Mercury per i gatti è ben nota all’opinione pubblica. Non solo, il leader dei Queen coltivava anche una passione sfrenata per l’arte e l’antiquariato. Freestone vedeva la Garden Lodge di Kensington come un grande showroom di oggetti fragili e costosi. Comunque sia, Mercury custodiva hobby e atteggiamenti atipici per il mondo del Rock e, nel corso dell’ultima intervista fattagli, Peter Freestone racconta le mille sfaccettature del cantante dei Queen in casa.

Le diverse sfumature di Freddie Mercury

Peter afferma che Freddie, adottasse molteplici modi di comportarsi rispetto al contesto con il quale si interfacciava. Ad esempio quando si recava fuori casa sua per fare foto coi fan o mettersi in posa per loro. “Freddie voleva renderli felici ed è per questo che si comportava così. Rispettava molto i fan perché sapeva di dovere a loro il merito del suo successo. Freestone insiste sul fatto che Freddie Mercury non fosse per niente una persona egocentrica e che sapesse scindere perfettamente l’immenso comportamento che adottava sul palco dall’umiltà con cui affrontava la vita quotidiana.

Freestone continua dicendo: “Freddie era composto da molti strati, mostrava quelli più veritieri alla sua cerchia più ristretta di amici, per me e Jim (Hutton) era facile ritrovarlo sul divano con una tuta spaiata a guardare la TV. Anche quando i nostri conoscenti venivano a trovarlo, lui si mostrava leggermente diverso. Non fraintendetemi, era sempre sincero e gentile, ma gli piaceva apparire come l’intrattenitore che era. Amava far divertire i suoi ospiti. Quindi, ad esempio, quando qualcuno preparava la grande tavola nel salone per la cena, lui magari spostava un bicchiere o qualche posata, solo per poter affermare con gioia di aver sistemato la stanza”.

“La lealtà di Freddie per i suoi amici era incommensurabile. Non era mai crudele, neanche quando faceva del gossip o si lamentava di qualcosa. Era talmente protettivo nei confronti dei suoi amici che se qualcuno diceva qualche cattiveria su di loro, lui lo richiamava “.

Gli aspetti segreti della sua vita domestica

“Freddie amava lo show televisivo Countdown, del resto, all’epoca correva il periodo d’oro per Channel 4. Lui amava quello show più di qualsiasi altro. La sua vita è sempre girata intorno alle meravigliose parole che metteva a disposizione delle sue canzoni, quindi non c’è tanto da meravigliarsi. Lo show era condotto da Richard Whitely e Carol Vorderman, ma ricordo che Freddie non era molto contento della parte di quest’ultima”.

Questa è una parte fondamentale della vita di Freddie Mercury. Freestone infatti, ci tiene a far notare quanto il leggendario frontman si sentisse rilassato tra le mura di casa sua, circondato dalle persone che amava. “Freddie amava ridere, ma quando appariva in pubblico si sentiva costretto a coprirsi i denti con le labbra o con le mani, ha lasciato che ci dimostrasse com’era realmente. Riusciva a trovare qualcosa di divertente anche nelle cose più noiose. Quando qualcuno pronuncia il nome di Freddie Mercury, la prima cosa che ricordo è la sua meravigliosa risata che riecheggia nelle enormi stanze della villa di Kensington”.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)