gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, L’inquietante ipotesi su Another one bites the dust

I Queen appartengono al genere rock e quindi questo significa polemiche sui testi. Saremo sicuramente stanchi di sentire ipotesi di satanismo su pezzi di canzoni ascoltati al contrario, su simboli o frasi fraintesi. Questo destino toccò anche ad Another one bites the dust, ma in maniera diversa: non ci furono, fortunatamente accuse di satanismo. Tuttavia ci furono diverse polemiche in merito al ritornello, vediamo quali.

La canzone dal basso indimenticabile

Non molti sanno che Another one bites the dust non sarebbe mai esistita senza Michael Jackson. Infatti, fu lui a dire a Freddie Mercury che avrebbe potuto avere successo come singolo. Così fece parte dell’album The Game, uscito nel 1980. Fu scritta dal bassista John Deacon che spiegò di essere molto imbarazzato quando la propose: aveva davvero pochi elementi del testo e solo quella speciale linea di basso che ricordiamo tutti. In realtà Deacon alla fine contribuì in toto alla canzone: suonò praticamente tutti i gli strumenti, con l’aiuto naturalmente anche di Rogert Taylor e Brian May rispettivamente per batteria e chitarra. Freddie Mercury si mise a dura prova per questo pezzo: implica una vocalità assai limitata, diversa da ciò a cui il leader dei Queen era abituato.

Il testo di Another one bites the dust

Innanzitutto cosa significa il titolo della canzone? “Un altro morde la polvere“. Significa, letteralmente, che qualcuno è morto o è stato gravemente ferito, di solito violentemente dopo un combattimento. Questa frase frase viene usata molto nei film western, si tratta quindi di una frase da cowboy, ma anche da gangster. Si può usare però anche in senso figurato per indicare qualcuno che non ce la fa più o che ha fallito. Del resto “mangiare la polvere” lo usiamo anche noi in gergo per indicare di stare superando o battendo qualcuno in una gara o contesa. Il brano così popolare può riferirsi quindi a situazioni tutt’altro che positive, parlando ad esempio di mitragliatrici, pallottole che fischiano, ecc.

Steve walks warily down the street
With the brim pulled way down low
Ain’t no sound but the sound of his feet,
Machine guns ready to go
Are you ready, hey, are you ready for this?
Are you hanging on the edge of your seat?
Out of the doorway the bullets rip
To the sound of the beat
Another one bites the dust
Another one bites the dust
And another one gone, and another one gone.

Another one bites the dust contiene messaggi subliminali?

Eccoci qui a rispondere alla domanda da un milione di dollari. Quali sono i messaggi subliminali dietro ad una canzone del genere? Ebbene, come riporta Betty A. Luman nel suo Subliminal smut hidden in rock-record lyrics, ascoltando il ritornello al contrario viene fuori questo: “Decide to smoke marijuana. It’s fun to smoke marijuana. Start to smoke marijuana”. Sembra quindi che nel ritornello sia presente una sorta di istigazione a consumare marijuana? Come era prevedibile, questa ipotesi è stata smentita, e la hit dei Queen continua a stupire per ben altre caratteristiche fondamentali. 

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.