gtag('config', 'UA-102787715-1');

I concerti più attesi in Italia nel 2020: Eric Clapton, Queen e tanti altri

Il 2019 sta per chiudersi riservandoci ancora non poche sorprese, il panorama d’eventi atto a prospettarsi nei prossimi mesi, fino al 2020, prevede una serie di grandi ritorni a dir poco sbalorditivi in cui spiccano nomi come quello dei Pixies, previsti per  l’11 ottobre alPalaDozza” di Bologna e, il giorno seguente presso la “Sala Fucine” di Torino.

Gli amanti del rock classico saranno sicuramente sollevati nell’apprendere che la band di Boston calcherà i palchi di ben due location nostrane; per deliziare i fan più affezionati coi loro successi senza tempo e, magari, conquistando i cuori di tanti nuovi giovani fan.

Cala il tramonto, ormai, sul 2019. Ciò nonostante, l’anno corrente continua ad allietarci con una discreta scelta di eventi con i quali soddisfare chiunque. I toni caldi e accoglienti di Sting tornernno ad incantare il “Mediolanum Forum” di Milano il 29 ottobre. I Jethro Tull torneranno per ben 4 date a Padova, Milano, Firenze e Roma, dal 3 al 7 novembre; ma non è finita qui, la fine del 2019 vede, infatti, anche il ritorno di Patti Smith, per due date a Trieste, il 25 e 26 novembre e, il 3 e 4 dicembre, rispettivamente a Spoleto e Ravenna.

I cultori dei generi più spinti non dovranno, tuttavia, perdersi d’animo, visto lo sbarco degli As I Lay Dying ai “Magazzini Generali” il 9 ottobre.  I Lacuna Coil torneranno nei primi di Novembre, per 4 date, il 2, il 3 , il 5 e il 6, rispettivamente al Demodé Club di Modugno, all’ “Orion” di Ciampino, all’ “Estragon” di Bologna e al “Live Club” di Trezzo sull’Adda. Gli Opeth chiuderanno la Kermesse novembrina, il 9 all’ “Alcatraz” di Milano.

Dicembre vedrà l’avvento di tre grandi nomi della musica moderna con gli Alter Bridge, il 2 al “Mediolanum Forum”; gli Skillet il giorno seguente ai “Magazzini Generali” e i Ghost, il 5, alla “Grana Padano Arena” di Mantova.

Gli eventi principali del 2020: il ritorno di Eric Clapton e dei Queen

“È sempre stata la mia chitarra contro il mondo”, affermava Eric Clapton in “Life in 12 bars”, documentario del 2017 sulla vita di “Slowhand”. In effetti, risulta davvero esiguo il numero di chitarristi o, in generale, di musicisti in grado di essere riconosciuti anche dopo una sola nota.

Clapton ricorda i suoi esordi, raccontando al suo biografo Ray Coleman, come, fin dagli anni ’60, abbia sempre cercato di rispettare fedelmente le regole del blues e del fatto che fosse sicuro di sé stesso e che non ci fosse, al tempo, qualcuno bravo come lui. “Clapton is God” e, del resto, nessuno tranne lo stesso Slowhand si è mai sentito di contestare le parole del famigerato graffito.

Innegabile come, l’apporto del chitarrista britannico sulla musica e, in generale sulla cultura moderna, abbia inciso e continui ad influenzare intere generazioni; brani come “Layla”, “Tears in Heaven” e “Wonderful Tonight”, restano impressi già al primo ascolto, generando un legame osmotico con l’ascoltatore.

La carriera di Eric Clapton è costellata di soddisfazioni, sin dagli esordi con gli Yardbirds, Slowhand ha sempre dimostrato come il suo contributo fosse necessario per rendere un brano, non solo tecnicamente perfetto, ma soprattutto indimenticabile. Ciò nonostante, nel corso della sua vita, Clapton ha affrontato non pochi crolli, emotivi e, ultimamente, fisici, dati dalla neuropatia periferica di cui fu affetto.

Nel 2017, Clapton annuncia il ritiro dalle scene esplicando, nel corso della presentazione del documentario, come fosse diventato difficile andare in tour.

Il grande ritorno di Slowhand

Nel 2020, Slowhand tornerà a calcare i palchi d’Europa, partendo da Praga il 29 maggio, passando per Svizzera,Germania, Belgio, Danimarca, Olanda, Finlandia e Italia. Il tour si chiuderà il 30 giugno a Mosca. Clapton sarà in Italia per due date, il 6 giugno al Mediolanum Forum di Assago e l’8 giugno all’ Unipol Arena di Bologna. Il chitarrista sarà accompagnato da Nathan East al basso, Paul Carrack e Chris Stainton alle tastiere, Doyle Bramhall II alla chitarra, Sharon White e Katie Kissoon alle voci di coro.

I Queen invadono Bologna a maggio

I biglietti per quest’ a dir poco sensazionale evento, sono andati in fumo in pochi minuti, la band del compianto Freddie, vedrà  l’ “Unipol Arena” di Bologna gremita di fan di ogni età, grazie al responso irreplicabile del biopic sulla vita dell’eterno Frontman il 24 maggio. Risulta, quindi, inutile dire che le aspettative per l’intero spettacolo siano state altissime sin dai primi leaks della notizia.

Il ritorno a Milano degli Slipknot

La band di Des Moines ha intenzione di irrompere ancora una volta in Italia, dopo il successo al Bologna Sonic Park, in giugno 2019, gli Slipknot tornano al “Mediolanum Forum” di Milano, assistiti dai sinistri Behemoth e carichi di sorprese e indiscrezioni riservate, come accennato dai membri della band in passato, dato l’hype infuso da Jim Root nel corso di un’intervista nella quale esplicava il suo auspicio per l’esecuzione di We Are Not Your Kind per esteso in occasione del 25° anniversario della band.

Liam Gallagher in Italia con due date

Mentre il fratello Noel è impegnato con il suo progetto solista “High Flyin’birds” e con la questione tutt’ora irrisolta del musical sull’ascesa dei Ragazzi di Manchester; Liam è intento a portare in tour il suo ultimo lavoro che, ricordiamo essere uscito per Warner il 20 settembre 2019. L’ex frontman degli Oasis sarà al Palazzo dello Sport di Roma il 15 febbraio 2020 e, il giorno seguente, al “Mediolanum Forum” di Milano.

Ozzy Osbourne torna in tour nel 2020

Il Principe delle Tenebre ha preoccupato tutti, destando non poco clamore mediatico dopo la sospensione delle date del tour per i suoi problemi di salute. Ozzy Osbourne e i Judas Priest ritornano attesissimi il 10 marzo 2020 alla “Unipol Arena” di Casalecchio di Reno.

Evanescence + Within Temptation live a Milano

Le due band, massime esponenti del panorama Gothic metal mondiale torneranno a deliziarci con brani struggenti quanto accattivanti al Mediolanum Forum” di Milano il 14 aprile 2020.

Firenze Rocks 2020

L’evento ha raccolto, negli anni, una miriade di critiche e consensi. Innegabile, a prescindere dalla matrice dei commenti, l’apporto che questi hanno avuto rispetto all’affluenza alla manifestazione che ha, in ogni caso, raggruppato migliaia di appassionati in un contesto spettacolare.

Quest’anno, gli organizzatori non si sono ancora esposti abbastanza; lasciando fantasticare in merito l’intera community di possibili spettatori. Conosciamo per certa la partecipazione dei Green Day all’evento che, ricordiamo si esibiranno il 10 giugno all’ “Ippodromo Snai” di Milano e, il giorno seguente alla Visarno Arena in occasione dell’evento. Alcune indiscrezioni vedrebbero ospite alla manifestazione anche Vasco Rossi. Per il resto, ci si accontenta delle voci che vedrebbero risuonare nomi come AC/DC, Alter Bridge, Bruce Springsteen, Slipknot e molti altri.

Rammstein live all’Olimpico

Dopo la divertente parentesi alla Puskàs Aréna di Budapest.Rammstein infiammeranno e, questa volta volontariamente, lo Stadio Olimpico di Torino il 13 luglio 2020.

Gli altri eventi in programma nel 2020

Il 2020 si prospetta un anno pieno di grandi risvolti nel panorama degli eventi musicali. Appassionati di tutti i tipi e aspiranti fan in formazione resteranno, sicuramente, a bocca aperta  dall’ammontare di occasioni musicali sensazionali proposte.

The Calling Live per due date nel 2020

Il 2020 si aprirà con i The Calling, l’alternative rock band di Los Angeles, calcherà i palchi del “Circolo Magnolia” di Segrate e dell’ “Orion” di Ciampino, rispettivamente, il 27 e 28 gennaio. Tra i più grandi successi della band, ricordiamo “Wherever you will go” del 2002 e “Anything” del 2004.

Sabaton Live all’ Alcatraz di Milano

L’imponente sound dei Sabaton sbaraglierà l’ Alcatraz di Milano il 28 gennaio, caricando di aspettative ogni vero fan del metal. Per i curiosi, consigliamo l’ascolto di “Primo Victoria” e “Bismarck” che denotano un’ identità sonora della band particolarmente avvezza a quella di gruppi più blasonati del panorama nord europeo.

Explosions in the Sky live per due date

Gli Explosions in the Sky sono un gruppo post-rock formatosi nel 1999 in Texas, il gruppo è composto da 3 chitarre elettriche e una batteria  .

Lo stile compositivo della band, totalmente strumentale riprende una sinfonia catartica nella quale immedesimarsi alla ricerca di risposte o con cui cullarsi durante un momento difficile. Gli Explosions in the Sky saranno a Bologna, al teatro Duse, il 5 febbraio 2020 e al Fabrique di Milano il 6. “The Earth is not a cold Dead Place” del 2003, è un’ottima opera per avvicinarsi al genere proposto.

Darkness live all’Alcatraz

I Darkness sbarcheranno all’ Alcatraz di Milano il 6 febbraio, successivamente, saranno protagonisti al Vox Club il 7. Grazie alla grinta che ha sempre contraddistinto la band di “Open Fire”, l’ hype per lo spettacolo è in costante aumento, prospettando un sold out repentino dei biglietti online.

Hammerfall Live a Trezzo sull’adda

Gli Hammerfall sono un gruppo Power Metal formatosi in Svezia nel 1993. La band raccolse i primi consensi nel 1997 con l’uscita di “Glory to the Brave”. Gli Hammerfall si affermano sul panorama mainstream della scena nel 2000 con l’uscita del loro terzo album “Renegade”, di stampo prettamente Fantasy-metal. Presente nella tracklist un brano completamente strumentale e due coverRun With the Devil” degli Heavy Load e Head Over Heels” degli Accept.

Il 16 agosto 2019 esce per Napalm Records “Dominion” il loro undicesimo album in studio,definito come un encomio alla musica svedese e alle tradizioni hard rock ed heavy metal cui il territorio è riconducibile. Citando, tra gli artisti omaggiati, Yngwie Malmsteen.  Gli Hammerfall si esibiranno al Live Club di Trezzo sull’Adda il 9 febbraio.

Guthrie Govan in Italia con gli Aristocrats

Gli “Aristrocrats”, capitanati dall’ eclettico Guthrie Govan si esibiranno in Italia in occasione di due date; il 16 febbraio al Live Club di Trezzo sull’Adda (MI) e il 18 febbraio al Campus Music Industry di Parma. La band, di stampo progressive rock, si forma nel 2011 a Los Angeles, in occasione dell’ LA Winter NAMM Show e, predilige uno stile estremamente tecnico e matematico, completamente strumentale.

Royal Republic Live alla Santeria Toscana

I Royal Republic sono un gruppo rock Svedese caratterizzato da un sound heavy riconducibile a diverse influenze, che spazia dal post-grunge allo stoner, delineando, in alcuni lavori, leggere atmosfere surf.

La formazione è composta da 4 membri, ripartiti tra chitarre,voce, basso e batteria. È consigliato l’ascolto di brani come “Fireman & Dancer” e “Stop Movin'”. La band si esibirà il 21 febbraio a Milano presso la Santeria Toscana 31.

Big Thief Live al Fabrique

I Big Thief sono una rock band indie americana. Formatosi a Brooklyn nel 2015, il gruppo entra a gamba tesa nel panorama underground grazie a “Two Hands”, opera del 2019, i cui singoli “Forgotten Eyes” e “Not” raccolgono toni tenui e nostalgici coadiuvati da una strumentale basica e trascinante e dal timbro addolorato della cantante e chitarrista Adrianne Lenker.

Risulta facile perdersi emotivamente nell’opera grazie ai concetti precedentemente esposti e all’atmosfera gentile con la quale vengono affrontate le tematiche del disco. Il gruppo sarà in Italia per due date nel 2020, il 22 febbraio al Locomotiv club di Bologna e il giorno seguente al Circolo Magnolia di Segrate.

The Neighbourhood live a Milano

I “The Neighbourhood” sono una band californiana attiva dal 2011 che entra prepotentemente nelle classifiche e nelle radio mondiali, intasando le stazioni praticamente ovunque nel mondo. Il caratteristico sound tipico del rock elettronico, misto a tematiche indie, rende brani come “Sweater Weather” e “R.I.P. 2 my Youth”,  di stampo indubbiamente catchy, lasciando comunque spazio all’originalità atipica del contesto mainstream. I “The Neighbourhood” saranno al Fabrique di Milano il 23 febbraio.

Testament Live a Trezzo sull’Adda

Nonostante abbiano, da sempre lottato per il primato di Thrash Metal Band per eccellenza con i Metallica, i Testament hanno avuto un lungo periodo di declino e scomparsa negli anni ’90; questo a causa di una serie di scelte sbagliate mal discusse. L’ultimo periodo ha visto la band tornare alla ribalta e, per la gioia dei fedelissimi, il gruppo sarà a Trezzo sull’Adda (MI) al Live club, il 25 febbraio 2020.

Tycho live per due date in Italia

Tycho, all’anagrafe Scott Hansen, è un artista poliedrico americano, di matrice ambient, spazia dal post rock al chillwave, celebre anche nel mondo della fotografia con lo pseudonimo di ISO50, sarà live al Fabrique di Milano il 27 febbraio e il giorno seguente all’ Estragon di Bologna. L’ascolto di “Dive” coadiuva lo spettatore nell’immersione in un mondo sperimentalista quanto eclettico.

Starset live all’ Alcatraz di Milano

Gli Starset sono un’alternative rock band dell’Ohio, l’opera del gruppo tende a spaziare dalla musica elettronica alle influenze metal palesi in alcuni passi di canto distorto e breakdown di sorta. L’ascolto non risulta, in ogni caso pesante, dato l’altissimo apporto melodico nei brani che risultano orecchiabili e fruibili anche ad un pubblico poco avvezzo al genere. Si consiglia l’ascolto di “Manifest”. Il gruppo sarà live all’  Alcatraz di Milano il 2 marzo 2020.

Cage The Elephant Live al Fabrique

La band si forma nel 2005 nel Kentucky, entrano al numero 32 della classifica del Regno Unito col singolo “Ain’t no rest for the Wicked” di cui consigliamo l’ascolto in modo da delineare il sound di base della band che ha, decisamente, molto da dire in termini di musicalità e sperimentalismo. Il gruppo si esibirà il 4 marzo al Fabrique di Milano.

Jade Bird live a Bologna

Jade Bird è una cantautrice folk Britannica, attiva dal 2015 sul panorama musicale. La sua opera è caratterizzata da un timbro grintoso e da strumentali incisive tipiche del genere. Jade Bird si esibirà al Locomotiv Club di Bologna il 14 marzo 2020.

Zucchero live all’ Arena di Verona

Ormai di casa in Arena, Zucchero propone le sue opere migliori in un contesto caldo e suggestivo come quello dell’Arena di Verona. In un complesso di 12 date, il cantautore, coadiuvato dalla sua fedelissima band ripercorrerà gli istanti più alti della sua carriera, da sempre contraddistinto dal carattere soul con cui ha conquistato la scena innumerevoli volte. Uno spettacolo memorabile a cui siamo piacevolmente abituati, ma di cui non smettiamo mai di sorprenderci. Zucchero sarà in Arena dal 22 al 30 settembre e, in un secondo momento, dal 2 al 4 ottobre.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)